La Giornata della Commissione 05/06/2023

04/06/2023

Il Patto per le competenze ha già aiutato 2 milioni di persone a beneficiare di attività di sviluppo e riqualificazione professionale

Il Patto UE per le competenze ha aiutato in modo significativo le imprese e i lavoratori di tutta Europa a migliorare le proprie competenze. Secondo l'indagine, due milioni di persone hanno beneficiato di attività di aggiornamento e riqualificazione nell'ambito del Patto. 15.500 programmi di formazione sono stati aggiornati o sviluppati e i membri del Patto hanno investito 160 milioni di euro in iniziative di qualificazione. Oltre l'80% dei membri del Patto intervistati apprezza il sostegno del Patto nel garantire opportunità concrete di formazione ai lavoratori in tutta Europa. Ad oggi, 1.500 organizzazioni hanno aderito al Patto per le competenze, con 18 partenariati per le competenze su larga scala istituiti in settori strategici come le energie rinnovabili, l'assistenza e la microelettronica. Ciò significa che è stato istituito almeno un partenariato per le competenze su larga scala per ogni ecosistema industriale della strategia industriale dell'UE.

Demografia e cambiamenti climatici: un nuovo rapporto esplora i legami tra due tendenze globali

Il Centro Comune di Ricerca (CCR) della Commissione ha pubblicato oggi un nuovo rapporto intitolato "Demografia e cambiamenti climatici - L'UE nel contesto globale".

Il rapporto mostra che la crescita demografica rimane uno dei principali motori delle emissioni. Allo stesso tempo, vi è uno squilibrio tra i tassi di crescita della popolazione e i livelli di emissioni di gas serra nei vari Paesi. I principali responsabili delle emissioni sono le regioni in cui la crescita della popolazione si è già fermata o ha rallentato. I principali emettitori dovranno garantire tagli profondi e rapidi alle emissioni, mentre i Paesi con basse emissioni ma con un'elevata crescita demografica dovranno essere aiutati a trovare modalità di crescita che evitino forti aumenti delle emissioni. Il rapporto sottolinea inoltre la necessità di politiche che tengano conto delle sfide e delle soluzioni per i diversi gruppi di popolazione e di età, come gli anziani e le persone a basso reddito.

Aiuti di Stato: La Commissione approva un piano polacco da 346 milioni di euro per sostenere i produttori agricoli nel contesto della guerra della Russia contro l'Ucraina

La Commissione europea ha approvato un piano polacco da circa 346 milioni di euro (1,5 miliardi di zloty) per sostenere i produttori agricoli nel contesto della guerra della Russia contro l'Ucraina. ìIl nuovo quadro modifica e proroga in parte il Quadro temporaneo di crisi, adottato il 23 marzo 2022 per consentire agli Stati membri di sostenere l'economia nel contesto dell'attuale crisi geopolitica, già modificato il 20 luglio 2022 e il 28 ottobre 2022. Nell'ambito del piano, gli aiuti consisteranno in importi limitati sotto forma di tassi di interesse agevolati sui prestiti. Lo scopo della misura è sostenere il fabbisogno di liquidità dei produttori agricoli, colpiti dall'attuale crisi geopolitica. La Commissione ha constatato che il piano polacco è in linea con le condizioni stabilite nel Quadro di riferimento temporaneo per le crisi. In particolare, l'aiuto (i) non supererà i 250.000 euro per beneficiario; e (ii) sarà piano entro il 31 dicembre 2023.

Luca Persiani

Argomento
La Giornata UE